DANZE PERSIANE Milano

Danze PERSIANE

Il corso introduce i partecipanti al metodo generale della danza persiana: figure, passi, movimenti fondamentali, principi guida e filosofia. Le diverse forme che la danza assume nelle regioni e nei paesi dell’area persiana rappresentano un universo inesauribile e affascinante, riconducibile ad una radice comune,antichissima e ricca di archetipi. La danza persiana trae ispirazione dalla relazione con la natura, dalla vita quotidiana e dai sentimenti umani, e si esprime in maniera simbolica attingendo all’interiorità del danzatore, che improvvisa liberamente raccontando storie a partire dallo stato d’animo del momento.

Giorni e orari

  • Data inizio: Venerdì, 05 Ottobre 2018
  • Giornate: venerdì
  • Orari: 19.00-20.00

Per ulteriori informazioni contattare la segreteria di Corte Regina
338 66 11 784
Contattaci via email

Istruttore

DANZE PERSIANE
Aram Ghasemy è nata in Iran. Nel 1997 si è laureata presso la Facoltà di Teatro dell’Università di Arte e di Architettura di Teheran. Nel 2002 si è diplomata come attrice presso l’Accademia di Recitazione Amin Tarokh/Film Acting Studio, Teheran. In Iran ha frequentato la scuola della danzatrice Persiana Hayedeh Kishipour a Tehran. In Italia ha frequentato la scuola di danza contemporanea e teatro danza  della danzatrice e regista Erica Giovannini.
Dal 2000 è autrice e regista teatrale e ha fondato la compagnia Tarmeh, nella quale insegna teatro anche ad attori diversamente abili. In Iran ha collaborato con artisti importanti come Daryoosh Mehrjooei, Amin Tarokh, Behruz Baghaei, Hosein Panahi, Mohamad Reza Sharifi Nia, Mesud Keramati, Ali Omrani, Shahla Riahi, Parastoo Golestani, Mahtab Keramati, Shahin Alizade, Mohammad Alami…
Nel 1994 premio come miglior poetessa al Festival di Letteratura dell’Azerbaijan. Nel 2002 premio per la migliore regia al Festival Internazionale Mehraien a Teheran . 
Dal 1995 lavora in teatro, cinema e televisione come attrice, scenografa e doppiatrice.

Altri corsi interessanti

Le danze soliste si distinguono in base al ritmo musicale su cui vengono eseguite (jig, slip jig, reel o hornpipe) e a seconda del tipo di scarpe indossate: “light shoes” (note anche come “soft shoes”) o “heavy shoes” (note anche come “hard shoes ” e “jig shoes”). Le prime sono scarpe leggere simili alle mezzepunte da danza classica, mentre le seconde sono scarpe pesanti simili a quelle da tip tap, dotate di una punta in vetroresina e di un tacco in legno vuoto per produrre un suono… e fare davvero tanto “rumore”! I corsi “Solo” per ragazzi prevedono l’insegnamento delle danze soliste e l’utilizzo di entrambe le tipologie di scarpe (light e heavy), con graduale aumento della difficoltà nel corso dell’anno accademico. Lo scopo principale è il divertimento praticando però una disciplina artistica e sportiva a tutti gli effetti con l’insegnamento dei valori positivi che ne consegue. Ci sarà però anche la possibilità di preparare esami, competere in gare internazionali fino a giungere, per volontà e merito, anche ai mondiali a cui l’insegnante Perla ha partecipato nel 2017 e nel 2018 qualificandosi tra le prime 5 agli europei.

Un percorso nel gioco alla scoperta del corpo, dello spazio, dell’altro. Il corso vuole offrire al bambino lo spazio per liberare la propria espressività motoria partendo dal piacere del movimento e trasformando progressivamente le azioni naturali e il gioco in danza, nel rispetto della naturale predisposizione di ciascuno. E' essenziale insegnare la concentrazione e il saper essere nel proprio corpo. L'approccio alla danza è naturale, non ci sono giudizi o “passi” sbagliati, ma solo tante possibili soluzioni personali. Attraverso semplici proposte di sequenze strutturate, i bambini esercitano controllo e precisione nel movimento, migliorando l’organizzazione delle abilità corporee. L’improvvisazione permette di alimentare la creatività di ognuno e favorire l’emergere della personalità.

"Il bambino che si concentra è immensamente felice". -Maria Montessori-

 

Per Ragazze/i dagli 8 ai 12 anni.

Le lezioni di danza classica sono finalizzate al raggiungimento della perfetta padronanza del proprio corpo e all’acquisizione della tecnica necessaria per affrontare la danza in tutti i suoi stili. La danza è poesia perché il suo fine ultimo è esprimere sentimenti, anche se attraverso una rigida tecnica. Il nostro compito è quello di far passare la parola attraverso il gesto. 

"Il delicato equilibrio tra la perfezione e la bellezza."

Corsi e attività asd La Corte

Il corso di BON TON a passo di danza si rivolge a delle donne che hanno voglia di riscoprire la propria femminilità ed eleganza, imparando a prendersi cura di sé in modo armonioso ed equilbrato. Un percorso alla scoperta della gestualità e del portamento per raggiungere determinatezza e raffinatezza anche nella vita di tutti i giorni. Il corso di BON TON ha come obiettivo quello di sviluppare una maggior sicurezza di sé attraverso lo sviluppo del linguaggio del corpo.

 

 

La pratica è finalizzata alla ricerca di un vocabolario di movimento che unisca conoscenza e spontaneità, istinto e consapevolezza. Dal riconoscimento degli automatismi alla riscoperta degli istinti cinetici, partendo dalle leggi fisiche che rendono disponibile il corpo a percepire e seguire diverse qualità/flussi/ritmi. Successivamente con combinazioni di movimento più lunghe e articolate avremo l’opportunità di sperimentare l’utilizzo delle diverse dinamiche, le transizioni dall’una all’altra e l'influenza del tempo e dello spazio.

"Prima danza. Dopo pensa. È l’ordine naturale delle cose"- Samuel Beckett-

Imparare a capire il contatto fisico, rotolare, cadere, seguire, sostenere, sollevare, le leve, le prese, il pavimento come sostegno. Esplorare le varie altezze alle quali ci si può muovere da soli, con uno o più partner. Usare il proprio peso e quello degli altri per una danza dove l’ascolto è fondamentale. Questo lavoro consente una conoscenza più profonda dell’imprinting genetico che guida i nostri gesti per poter poi modificare il nostro linguaggio corporeo. Un linguaggio che si sviluppa e cresce nel gruppo di lavoro e col gruppo di lavoro trasformandolo in una tribù che danza, in un clan capace di comunicare attraverso la danza la propria crescita di identità corporea. Il gruppo dei partecipanti sarà stimolato a indagare e percorrere i significati antropologici del gesto danzato, esplorando la parte etnica e tribale che è all'origine di ogni movimento e che in essa trova la parte più vibrante e ancestrale del suo comunicare.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a renderli il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Utilizzando tali servizi e navigando i nostri siti, accetti implicitamente il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra Privacy Policy.