Arti Marziali

Difesa Personale, krav Maga, Aikido, Judo, kendo e Iaido, katori Shinto Ryu, Pekiti-Tirsia, Capoeira

MARUCHI BUDO (DIFESA PERSONALE)

Corso sviluppato in 8 lezioni per acquisire gli strumenti necessari per saper gestire un attacco o un' aggressione.
La difesa personale comprende sia tecniche fisiche di difesa, sia tecniche psicologiche.
Imparare prima a valutare il soggetto da cui ci si deve difendere.
Imparare a valutare il rischio, basarsi sulla tecnica e non sulla forza.
KRAV-MAGA
un particolare tipo di autodifesa che si pratica con il corpo e con la mente. L’obbiettivo è uscire dalle situazioni di minaccia nel modo migliore: tenendo l’atteggiamento giusto, anticipando o addirittura evitando lo scontro quando è possibile. E’ sempre importante sapersi difendere senza mettersi in pericolo.
AIKIDO
L'Aikido continua ancora oggi ad essere insegnato con particolare attenzione per la salute del praticante (fisica); con lo scopo di sviluppare la sua consapevolezza e crescita interiore (spirituale, emozionale) attraverso una filosofia e una pratica antica ma ancora attuale per la società moderna. Partendo da un accurato utilizzo delle armi tradizionali giapponesi si sviluppano tecniche tradizionali con principi biomeccanici moderni.
KENDO E IAIDO
Il kendo e lo Iaido sono come le due ruote di un carro, uno complementare all'altro...
Il nostro Dojo, è per noi un luogo "sacro", dove si dovrebbe evolvere e forgiare un essere umano, non solo nel corpo ma anche nello spirito, attraverso i principi del KEN (spada) DO (via).
CAPOEIRA
Autentica espressione dell'ancestrale cultura afrobrasiliana e travolgente miscela di danza musica canto acrobaticità e arti marziali. Gli allenamenti di gruppo permettono di migliorare la propria forma fisica con esercizi di stretching, flessibilità e coordinazione motoria oltre che con le mosse caratteristiche della capoeira. Il tutto si svolge accompagnati da ritmi di musica brasiliani, dalle percussioni e dal suono del berimbao, lo strumento tipico della capoeira.

PEKITI TIRSIA (KALI FILIPPINO)

L’approccio logico, dinamico e attivo ha permesso lo sviluppo di strategie di combattimento che hanno reso la Pekiti-Tirsia uno dei più completi e più efficaci sistemi di autodifesa. Imparare questa disciplina porta allo sviluppo della consapevolezza dei pericoli reali, abitua il corpo alla fluidità nei movimenti, e alla precisione. Tali dinamiche non cambiano quando si combatte disarmati o con armi occasionali, l'intero sistema rimane coerente e sempre efficace. Oltre allo studio di distanze, tempistiche e principi, la Pekiti-Tirsia promuove l'attacco e il contrattacco come miglior difesa, evitando una passività che spesso può risultare fatale.

JUDO

Il combattimento nel judo trascende il consueto significato di "agonismo" per approdare a un concetto molto più ampio di "collaborazione" in cui entrambe le persone partecipano al fine di raggiungere un risultato comune molto più importante. Il judo può essere anche sport, ma non é questa la sua unica finalità, ecco perché si ritiene più coerente parlare di "judo tradizionale" in alternativa (non in contraddizione) ad un "judo sportivo".

KATORI SHINTO RYU

Il Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu è la più antica scuola, tuttora esistente, di Bujiutsu (arti marziali tradizionali) ed è considerata in Giappone Tesoro Nazionale della cultura e dell'arte Giapponese. Fu fondata nel 1447 nel tempio shintoista di Katori, da cui la scuola ha preso il nome, da Izasa Iienao, che assunse poi il nome Choisai.  il kenjutsu consiste nel maneggio della spada che è la prima delle armi con cui il praticante di katori entra in contatto. Essendo considerata l'arma principale dei samurai essa racchiude nel suo maneggio gli elementi di base quali la distanza (ma-ai) il controllo mentale (zanshin) e la centralizzazione che verranno poi usati con tutte le altri armi.